comitato elettorale

Aprire e organizzare il tuo comitato elettorale: istruzioni per l’uso

Nell’epoca de “l’uomo solo al comando”, in cui il candidato ideale non è chi meglio rappresenta l’immagine del partito o garantisce la fedeltà ideologica, ma colui che convoglia elettori, è importante porre l’attenzione sul comitato elettorale, vero cuore pulsante della campagna elettorale.

Dal giorno della sua costituzione fino al giorno che precede il voto, il comitato ha il delicato compito di coordinare militanti, volontari e attivisti in modo da rendere chiaro e accessibile il programma politico e i valori del candidato.

Va costituito alla presenza di un notaio che ne certifichi sede, membri fondatori, statuto e organi quali presidente, assemblea dei componenti, consiglio direttivo e tesoreria.

Immaginate la sede del vostro comitato come uno spazio di co-working: dovrà essere ampia, in modo che possa ospitare il maggior numero di persone in occasione di incontri tematici, momenti di formazione o come semplice punto di ascolto per le istanze della comunità; luminosa e trasparente in quanto un ambiente luminoso darà l’idea di un luogo confortevole e familiare in cui chiunque possa sentirsi libero di esprimere idee e dare il proprio contributo alla campagna.

È fondamentale che sia al piano terra, in una via principale e priva di barriere architettoniche (assicuratevi che ci sia sempre una rampa adiacente o nelle vicinanze del marciapiede antistante al comitato), al fine di permettere a tutti l’accesso alle riunioni e agli eventi organizzati nel corso della campagna elettorale.

ALLESTIMENTO

Il comitato elettorale andrà sempre allestito con materiale pubblicitario che rispetta l’immagine coordinata, con logo e slogan della campagna sempre bene in vista, le locandine con le battaglie storiche della vostra lista lungo i muri, che rappresentano l’identità del partito o del movimento che rappresentate.

Le locandine elettorali con il volto del candidato, presenti all’interno del comitato dovranno essere posizionate a una certa distanza dalla vetrina, che sarà sancita dalla normativa vigente in occasione della competizione elettorale.

È sempre un bene fissare in mattinata l’inaugurazione del comitato elettorale: le 11.00 sono l’orario ideale (sia per una questione di luce sia per la copertura giornalistica), alla presenza della stampa dove ufficialmente viene presentato il candidato con la sua “squadra di governo”.

I MEMBRI DEL COMITATO

Figure chiave all’interno del comitato sono il Campaign Manager (ovvero colui che coordina la campagna), che in molti casi corrisponde al portavoce o al collaboratore più stretto del candidato, l’ufficio stampa (che ha il compito di gestire gli eventi sul territorio per il candidato) e un team redazionale che si occupa dei social network e della stesura dei messaggi della campagna e garantisca la copertura mediatica sul territorio.

Membri fondamentali del comitato elettorale sono anche gli attivisti che supporteranno la campagna da un punto di vista logistico: infatti sarà loro compito gestire la turnazione per l’apertura giornaliera della sede in modo che ci sia sempre un referente con cui il cittadino possa confrontarsi, ma allo stesso tempo supporteranno il candidato sul territorio, diventandone occhi e orecchi tra i cittadini.

Ad affiancare queste figure strategiche ci sono i consulenti delle agenzie, che possono avere ruoli prettamente di gestione tecnica (social media, ufficio stampa), creativi (struttura della campagna, slogan), strategici (spindoctoring) o ricalcare le sezioni sopra indicate se il candidato decide di affidare proprio alle agenzie la strutturazione del comitato.

I consulenti, come dei veri e propri sarti, “cuciranno” sul candidato la migliore strategia di comunicazione integrata che ne esalti virtù e punti di forza.

LA LOGISTICA

Come detto, spetta all’ufficio stampa gestire e coordinare gli eventi sul territorio sia quando l’appuntamento è all’aperto (con permessi, orari, spazi pubblici) ma soprattutto quando è al coperto (teatri, fiere, spazi polifunzionali etc.).

Il tempismo è tutto, sia nel contattare la struttura sia nel riservarla: arrivare in anticipo significa sottrarre ai concorrenti una location ambita. Il luogo prescelto dovrà essere accogliente, dotato di Wi-Fi e con una buona acustica, soprattutto se ci saranno da installare telecamere e microfoni per l’intervento del candidato o una possibile copertura dell’evento da parte della stampa.

Una menzione particolare circa l’evento conclusivo della campagna. Il consiglio è quello di immaginarlo e pianificarlo come una grande festa, optando per un palazzetto dello sport o luoghi comunque preposti ad accogliere molta gente, in cui sia garantita la seduta senza che quest’ultima sia obbligatoria, altrimenti il vostro evento potrebbe risultare statico e noioso e la risposta in termini di partecipazione potrebbe essere tiepida.

Occorre prenotare questi spazi con largo anticipo, anche due mesi prima dell’evento, per via dei permessi comunali ma soprattutto per avere la libertà di scelta sulla data (accaparrarvi il giorno precedente al silenzio elettorale significa, in termini di copertura mediatica, essere l’ultimo argomento prima dell’appuntamento elettorale).

MEZZI DI TRASPORTO BRANDIZZATI

Per la buona riuscita della campagna, il comitato elettorale si dovrà occupare anche degli spostamenti in vista degli appuntamenti del candidato, quindi fondamentale diventa la scelta dei mezzi di trasporto (auto, auto elettriche, van, moto, camper) a noleggio.

Inizialmente andrà fatto un lavoro di ricerca e scrematura dei preventivi tra le società di noleggio più affidabili, scegliendo quella più in linea con le vostre esigenze logistiche ed economiche.

È preferibile, nel caso la vostra lista abbia più candidati, noleggiare il medesimo modello di mezzo, possibilmente con lo stesso colore. Qualora ciò non fosse possibile, prediligete colori quali nero, grigio e bianco.

I mezzi devono essere rigorosamente brandizzati in quanto diventano il vostro biglietto da visita itinerante (quindi è opportuno rispettare il codice della strada, la segnaletica, ma soprattutto attenzione a dove parcheggiate!).

A tal proposito è importante prendere accordi anticipatamente con un centro serigrafico di fiducia, per poter concordare preventivo e consegna, prima dell’arrivo del vostro mezzo di trasporto.

Una volta conclusa la campagna elettorale e spogliato il mezzo delle serigrafie, questo andrà riconsegnato seguendo meticolosamente le indicazioni fornite dalla società noleggiatrice.

Se hai bisogno di una mano per organizzare e gestire il comitato per la tua campagna elettorale, ti possiamo aiutare.

Iscriviti qui per ricevere articoli, guide, inviti a seminari, dal vivo e on line!