Come fare Campagna Elettorale ai tempi del Covid-19

L’avvento della pandemia globale da Covid-19 ha cambiato radicalmente il nostro stile di vita. L’uso delle mascherine, il distanziamento sociale, l’home-working hanno trasformato il nostro modo di relazionarci l’uno con l’altro. In un contesto in cui le nostre vite sociali si sono ridotte notevolmente e ci siamo dovuti distanziare dai nostri affetti familiari, siamo stati costretti a vivere le nostre vite in un ambito sempre più digitale.

Dal mondo della scuola, a quello della salute e del lavoro, anche il contesto politico-elettorale del nostro Paese ha subito delle ripercussioni: il coronavirus ha fatto il suo ingresso in Italia, mettendo ogni forza partitica di fronte a una situazione inedita di difficilissima gestione, con forti conseguenze economiche e sociali.

Le norme imposte sul distanziamento sociale sembrano rendere meno attuabile una competizione elettorale di stampo tradizionale. Tuttavia, se da un lato la pandemia ha rappresentato una battuta d’arresto per la politica e la comunicazione elettorale, dall’altro essa ha costituito una spinta ulteriore per l’incremento delle strategie digitali nelle competizioni elettorali italiane, in linea con le tendenze dei paesi anglosassoni più all’avanguardia del nostro.

Nella fase di convivenza con gli effetti di questo virus anche la politica, infatti, dovrà riuscire ad adeguarsi con i giusti mezzi. Noi di Res Politics siamo qua per guidarti in questo percorso, fornendoti delle brevi e semplici linee guida che in pochi passi ti permetteranno di avviare la tua campagna elettorale e comunicare ai tuoi elettori, comodamente da casa!

Le risorse digitali spendibili in campagna elettorale

La pandemia da Covid-19 ha obbligato i candidati politici nelle competizioni elettorali a spostare l’ambito delle proprie campagne da spazi fisici a spazi virtuali. Questo cambiamento radicale ha reso il modo di rimanere in contatto con la propria rete di elettori quanto più essenziale. Di seguito analizzeremo tutti i principali canali di comunicazione digitale, per coinvolgere potenziali elettori e rimanere in contatto con i propri sostenitori.

I SOCIAL NETWORK

L’uso dei social network rappresenta ormai un elemento imprescindibile di ogni campagna elettorale, già da prima della pandemia. Tuttavia, nell’ultimo anno, con l’aggiunta di nuove funzioni e un uso sempre più centrale nella comunicazione politica, essi hanno costituito di fatto lo strumento principale per superare i limiti del distanziamento sociale attivando un canale di comunicazione diretto e informale con i propri elettori.

  • Facebook e Instagram Live

La creazione di dirette live su questi due social rappresenta un ottimo modo per avere un dialogo diretto con i propri sostenitori e ricevere feedback in tempo reale. Durante una live è possibile dare aggiornamenti sulle proprie iniziative, commentare temi caldi dell’attualità, dare annunci ufficiali sulla propria campagna elettorale.

Il contesto della diretta è fondamentale per fornire all’elettore un punto di vista diretto e senza filtri sulla tua persona, distinguendo la tua proposta politica da quella degli altri candidati. 

Si può scegliere di condurre una live da soli o accompagnati da altri membri di partito o  leader di opinione, per discutere il proprio programma elettorale. I commenti e le reazioni simultanee offrono un modo spontaneo di interagire con il proprio pubblico, poiché potrai leggere i loro commenti e rispondere alle domande.  Inoltre, su Instagram è possibile salvare le proprie trasmissioni live su IGTV, una funzione per pubblicare video più lunghi, in modo da averle sempre presenti sul proprio profilo, a disposizione dei propri followers.

  • Facebook e Instagram Stories

La pubblicazione di stories rappresenta ormai il modo più comune di condividere uno spaccato del proprio quotidiano e aumentare la propria interattività sui social. In genere, le stories sono lo strumento di Instagram e Facebook che raggiunge maggiori visualizzazioni in poco tempo, rappresentando anche quello più comodo per le visualizzazioni da mobile.

Sono essenziali per aumentare l’interattività dei propri post, condividere contenuti in cui i propri sostenitori ci hanno taggati, aumentare la visibilità del proprio profilo. Oltre alla condivisione di contenuti propri, quali brevi video messaggi di commento all’attualità o aggiornamenti sulla campagna, è possibile creare grafiche riassuntive sui punti del proprio programma e piccoli approfondimenti. 

  • Pubblicità su Facebook

Pubblicizzare i tuoi messaggi in campagna elettorale tramite Facebook può aiutarti a raccogliere sostenitori, favorire le iscrizioni alla tua mailing list, incrementare il numero di visitatori al tuo sito web. Tuttavia, per pubblicare inserzioni su temi politico-sociali, durante le elezioni, è necessario ottenere l’autorizzazione ed inserire il disclaimer “finanziato da, come indicato dalla seguente guida Facebook.

  • Twitch

Nonostante sia una piattaforma più recente rispetto ad altri social network, anche Twitch si è rivelato un potente alleato in campagna elettorale, specialmente durante le ultime presidenziali americane. La piattaforma di streaming video, con il suo personalissimo modo di privilegiare i contenuti in diretta, accresce di giorno in giorno la sua popolarità fra i più giovani. I millennials costituiscono infatti la base di utenti maggiore di questo social.

Utilizzare Twitch per la propria comunicazione elettorale significa saper dare anche un volto ludicoalla propria immagine per raggiungere un pubblico più giovane, accrescere la propria reputazione online, saper adottare strategie di gamification e trovare reti di micro-influencers radicati sul territorio, in grado di attivarsi e promuovere la nostra campagna. 

  • Clubhouse

Ultimissima novità nel panorama social della comunicazione politica, Clubhouse è una piattaforma nella quale attraverso la creazione di apposite “stanze”, si formano spazi di dialogo e confronto diretto con gli utenti che decidono aderire alla discussione, nella quale si può solo dialogare attraverso la nostra voce, inviando dei messaggi vocali

Disponibile al momento solo per iOS (ma presto lo sarà anche per Android), all’interno di questo social la parola chiave è disintermediazione: si possono coinvolgere i propri sostenitori su temi specifici attraverso un dialogo “alla pari”, scegliendo i propri moderatori accuratamente per mantenere alto il livello dei dibattiti. È uno dei modi più semplici per sensibilizzare la propria rete di elettori alla partecipazione alla vita pubblica, promuovendo un attivismo concreto.

IL SITO PERSONALE

È necessario investire in un sito web? A chi ci pone questa domanda rispondiamo sempre con un sonoro “Sì!”. Durante la campagna elettorale, esso costituisce l’elemento principale di informazione sulla tua persona, la tua lista o programma elettorale per l’elettore che voglia cercarti sui motori di ricerca.

In tempi di pandemia, con le restrizioni ed il distanziamento sociale a modificare le regole del gioco, il proprio sito web diventa un elemento ancora più irrinunciabile. Sul nostro blog, trovi già una guida dettagliata alla creazione del proprio sito web in campagna elettorale, tuttavia qui ne ripercorreremo le finalità principali applicabili al contesto della pandemia. Si tratta di un investimento economico essenziale per il proprio futuro in politica.

Tramite la realizzazione del tuo sito web puoi: 

  • Raccogliere sostenitori permettendogli di iscriversi alla tua mailing-list, per rimanere aggiornati su novità ed eventi
  • Condividere il tuo programma elettorale in modo fruibile a chiunque
  • Mostrare il calendario con gli eventi legati alla campagna
  • Pubblicare un diario con aggiornamenti giornalieri sullo stato della tua campagna, attraverso video-testimonianze e scatti ufficiali 
  • Reclutare volontari per la tua campagna, creando uno spazio apposito per la loro adesione con i contatti territoriali per la loro organizzazione
  • Dare spazio ai propri supporter, ossia le personalità pubbliche, associazioni e gruppi che aderiscono alla propria campagna
  • Monitorare il numero e la tipologia di pubblico del nostro sito, in modo da riproporre campagne pubblicitarie apposite, tramite strategie di remarketing, con cui potrai connetterti con le persone che lo hanno precedentemente visitato

I MEDIA TRADIZIONALI

Da ultimi ma non meno importanti, anche i media tradizionali hanno ottenuto un nuovo protagonismo legato all’emergenza sanitaria.  Con l’aumento della disoccupazione, buona parte dei lavoratori in home-working, gli studenti costretti alla didattica a distanza e gli anziani isolati dai propri cari, la maggior parte degli italiani è stata rilegata a un contesto domestico.

Perciò, ancor più che negli ultimi anni riuscire a presidiare le radio, i programmi televisivi e i quotidiani online è fondamentale per far conoscere agli elettori la propria candidatura. Secondo il consuntivo dell’anno elaborato dall’Osservatorio dello Studio Frasi su dati Auditel, l’ascolto complessivo televisivo è cresciuto di 1 milione di persone nell’arco della giornata (+11,4%, fonte Ansa) e a dedicare oggi più tempo alla televisione rispetto al passato sono soprattutto i giovani fra i 20 e i 24 anni, prima quasi assenti. Anche la radio online avrebbe beneficiato di questo periodo di lockdown, incrementando il suo consumo dell’11%, specialmente attraverso il web secondo Havas Media

La carta stampata invece ha subito un’ulteriore stoccata dalla fase pandemica, compensata dall’espansione crescente degli abbonamenti alle versioni digitali dei principali quotidiani nazionali e locali. Concedere interviste, ricorrere ai mass-media per farsi conoscere quando non è possibile organizzare eventi pubblici diventa ancora più essenziale per raggiungere una platea di elettori potenziali più ampia.

 POSTA DIRETTA

Anche se costituisce un mezzo vecchio stampo, inviare per posta lettere, volantini e manifesti elettorali, può costituire una risorsa efficace per raggiungere potenziali elettori in tempi di pandemia. Specialmente per quanto riguarda le categorie di votanti più avverse all’uso di strumenti digitali, come i pensionati e le persone anziane, senza costituire alcun rischio per la loro salute. 

Si tratta di uno strumento economico, alla portata di tutti, utile per pubblicizzare “porta a porta” le iniziative della campagna e il proprio programma elettorale. Una lettera elettorale deve essere chiara e semplice, in modo da motivare il lettore e spingerlo all’azione.

Come coinvolgere gli elettori in gruppi di sostenitori

Quando le restrizioni legate alla pandemia, con il distanziamento sociale, ci impediscono l’organizzazione di eventi pubblici per far risonare i contenuti della nostra campagna nei territori di appartenenza, interagire con i propri elettori risulta più difficile. 

Tuttavia, alcuni strumenti digitali ci permettono di superare queste restrizioni e coinvolgere i nostri elettori in gruppi di sostenitori. Com’è possibile?

  • Ideare eventi online

La disponibilità gratuita di molte piattaforme online quali Google Meet, Zoom e Microsoft Teams, ci consente di organizzare numerosi eventi online. Dalle riunioni con i propri sostenitori e attivisti legati all’organizzazione della campagna, alla pianificazione di veri e propri webinar, seminari e conferenze stampa digitali, queste piattaforme ci consentono di organizzare iniziative online per far conoscere la nostra lista e il programma elettorale in modo sicuro ed efficace. 

Inoltre, Facebook ci consente di creare eventi specifici da promuovere sul profilo legato alla nostra campagna, in modo da pubblicizzarli maggiormente con i nostri seguaci, fornendo dei promemoria e degli spazi di discussione ulteriori prima e dopo l’evento. 

  • Creare un gruppo Facebook per i propri elettori

Per mantenere una rete più ristretta di contatti, dove promuovere contenuti specifici legati alla campagna, è possibile costituire anche un gruppo Facebook affiliato alla propria lista elettorale, cui gli utenti possano chiedere di iscriversi spontaneamente. Si tratta di una funzione molto semplice e adatta ad un target di utenti di mezza età, essendo questi ormai la fascia più attiva su Facebook.

Gli utenti più partecipi possono diventare “ambasciatori” del gruppo, ossia dei profili che si identificano nel soggetto politico e sono in grado di indirizzare la discussione, pubblicizzare il gruppo ed amplificarne il messaggio, aumentandone la popolarità. Rispetto alle pagine ufficiali che svolgono un ruolo più da vetrina, infatti, i gruppi permettono ai partecipanti di agire con più libertà, intavolando discussioni e offrendo un riscontro immediato da parte del proprio elettorato.

  • Utilizzare le App di messaggistica

Un altro modo efficace per mantenere un rapporto costante con i propri elettori riguarda la predisposizione di Chat WhatsApp o Telegram, alle quali accedere automaticamente tramite un link sulle proprie pagine social. La condivisione di aggiornamenti giornalieri sullo stato della campagna elettorale costituisce un modo efficace per costruire una relazione con i propri seguaci, fornendo una risposta veloce e spontanea a dubbi e richieste. 

Una volta che si aderisce alla chat, non è necessario commentare o interagire con gli altri iscritti, per questo si tratta di un mezzo di comunicazione alla portata anche dell’utente che vuole semplicemente tenersi aggiornato quotidianamente sui temi della campagna.

  • Mailing List

Creare una propria mailing list personalizzata, per condividere aggiornamenti sulle iniziative della campagna elettorale tramite la propria newsletter, costituisce uno dei mezzi per eccellenza per mantenere una rete di relazioni con i propri sostenitori. È un mezzo estremamente economico, che consente in pochi passaggi di condividere ogni tipo di informazione con un numero illimitato di contatti.

Inserendo una sezione apposita sul proprio sito web, si consente all’elettore di iscriversi spontaneamente tramite un modulo di contatto. Una mailing list ci consente di costruire un archivio online di tutti i messaggi della campagna e di avere un elenco completo degli iscritti.

  • Gestire la raccolta fondi

Da ultimo, ma non meno importante, utilizzare questi mezzi per mobilitare i propri elettori si rivela essenziale anche per le strategie di fundraising per la propria campagna elettorale. 

Il fundraising digitale è la raccolta fondi effettuata attraverso tecnologie digitali online. 

In genere, si effettua attraverso il proprio sito web, creando uno spazio apposito dedicato alle donazioni dei propri elettori. Una volta stabilito il proprio target, è essenziale farsi conoscere e coltivare nel tempo la relazione con i propri sostenitori, descrivendo la propria missione e i propri obiettivi politici attraverso la mailing-list, in quanto in genere le email rimangono lo strumento più efficace per raccogliere donazioni. 

Se hai ancora qualche dubbio o vuoi approfondire queste strategie attraverso l’aiuto di esperti del settore, non esitare a contattarci. Il team di Res Politics è sempre a tua disposizione per darti una mano!

Iscriviti qui per ricevere articoli, guide, inviti a seminari, dal vivo e on line!